Perché il Mare è Importante per i Bambini | Tutti i Benefici


*Questo post contiene link affiliati -  In qualità di Affiliato Amazon, ricevo un guadagno per ciascun acquisto idoneo.

Bambina gioca sulla sabbia

Respirare l’aria di mare sembrerebbe essere un toccasana, secondo alcuni studi. Scopri subito tutti gli effetti benefici sulla salute psico-fisica dei bambini!

Andare al mare insieme ai nostri bambini è un ottimo modo per staccare la spina e ricaricare le pile dopo un anno di tran-tran quotidiano. Ma quali sono di preciso i benefici sulla salute dei nostri bambini? Scopriteli leggendo il nostro articolo e se vi può interessare date un’occhiata a 20 incredibili idee regalo estive per bambini. Buona Lettura!

Perché andare al mare fa bene ai bambini?

1. L’aria è ricca di minerali (forse)

Secondo la classica conoscenza popolare, l’aria di mare fa bene perché è ricca di sale, iodio, magnesio e altri oligoelementi che vengono diffusi nell’aria dal vento e le onde. Questo mix di elementi stimolerebbe la reazione immunitaria, soprattutto contro le malattie respiratorie e della pelle.

C’è da dire, però, che queste affermazioni non sono supportate da studi scientifici e di conseguenza andrebbero prese con le pinze! Anzi, secondo l’articolo pubblicato da BBC Focus “Why is the sea air good for you” l’idea che al mare si possano inalare concentrazioni significative di ossigeno e iodio è del tutto infondata.

2. L’esposizione solare fa bene

Secondo questo studio, l’esposizione alla luce solare ha innumerevoli benefici sulla salute dei bambini: migliora il sonno, riduce lo stress e stimola la produzione di vitamina D, una vitamina essenziale per il nostro corpo.

Basterebbe anche un’ora sola di esposizione al giorno per dormire meglio e più profondamente. La luce del sole agirebbe da regolatore del ritmo circadiano, comunicando al corpo quando aumentare o diminuire il livelli di melatonina.

Secondo questo studio, invece, il 50% della popolazione mondiale soffre della mancanza di vitamina D, forse a causa dell’alto numero di attività svolte all’interno. Portare al mare i nostri bambini è un ottimo modo per fare scorta di questa importante vitamina che aiuta a regolare l’assorbimento di calcio e fosforo, oltre a stimolare il buon funzionamento del sistema immunitario.

3. Incoraggia i giochi di manipolazione

Per giochi di manipolazione si intendono tutte quelle attività attraverso cui i bambini vengono a contatto con materiali dotati di una particolare consistenza, che li rende plasmabili e modellabili. La sabbia è il materiale della manipolazione per eccellenza e le possibilità di gioco, sia da bagnata sia da asciutta, sono tante: può essere misurata, accumulata, versata, modellata oppure scolpita, per creare forme di fantasia.

Secondo gli studiosi Friedrich Froebel, Maria Montessori, and Jean Piaget, giocare con la sabbia apporta diversi benefici, sia a livello cognitivo sia a livello sociale, soprattutto durante la prima infanzia. Permette ai bambini di esplorare il cambiamento e la relazione causa-effetto, stimola la motricità fine (ovvero i piccoli movimenti delle dita e delle mani), la concentrazione, e aiuta i bambini a fare nuove amicizie.

Per sfruttare i benefici del gioco con la sabbia anche in inverno, o se in estate non avete la possibilità di andare molto spesso al mare, potreste considerare di acquistare una sabbiera per bambini.

Fonte: Play in the Sandpit. A University and a Child-Care Center Collaborate in Facilitated-Action Research

4. É rilassante

Secondo lo psicologo clinico Richard Shuster, il colore blu viene associato da molte persone a sentimenti di pace e tranquillità, ma non è tutto! Guardare il mare cambierebbe addirittura la frequenza delle onde cerebrali, ponendoci in uno stato quasi meditativo. Questo, insieme allo sciabordio delle onde che si infrangono sul bagnasciuga e l’esperienza sensoriale della sabbia sotto i piedi, contribuisce a rilassare e a distendere i bambini, diminuendo la pressione fisica e psichica.

In fine, alcuni studi hanno anche misurato ridotti livelli di cortisolo (ormone dello stress) e più altri livelli di serotonina, oxitocina e dopamina (ormoni del benessere) nelle persone che passano del tempo vicino al mare.

5. Avvicina alla natura

Andare al mare è un ottimo modo per allontanarsi dal frastuono quotidiano e riconnettersi alla natura, la nostra vera essenza. A volte ce ne dimentichiamo, ma la natura è la nostra sola vera casa. In un mondo così pieno di stimoli artificiali e tecnologici è vitale che i bambini abbiamo tempo e modo di vivere la dimensione naturale.

Lo scrittore Richard Louv, autore di Last Child in the Woods, ha introdotto il termine Nature Deficit Disorder per descrivere la “mancanza di natura” di cui soffrono i bambini di oggi. Sono più di 1000 gli studi che lo confermano: la natura ha un impatto fondamentale sul nostro benessere fisico e le funzioni cognitive.

Giocare con la sabbia, per esempio, non è come giocare con materiali artificiali (es. pongo o plastilina). Per quale motivo? Quando i bambini giocano con la sabbia, si trovano a modellare un elemento naturale che è molto simile alla terra. Questo aspetto è in grado di sviluppare un rapporto viscerale con il mondo naturale e permette al bambino di percepire con i suoi sensi chi è e da dove viene.

6. Fornisce nuove opportunità di socializzazione

Andare al mare permette ai bambini di fare nuove amicizie, affinando, così, le loro abilità sociali. Nella maggior parte dei casi le interazioni avvengono direttamente sul bagnasciuga, con i vicini di ombrellone, ma non mancano casi in cui, soprattutto negli stabilimenti privati, ci sia la possibilità usufruire di un’area gioco, molto spesso attrezzata di gonfiabili, scivoli, altalene, casette, ecc.

La socializzazione tra pari è un processo importante che incide sulla formazione della personalità dei bambini. Relazionandosi con gli altri imparano pian piano a gestire meglio i sentimenti e le emozioni, a capire quali siano i bisogni e le necessità altrui, e quale sia l’interazione rispettosa e accettabile. Il mare, inoltre, può fornire nuovi spunti di socialità, essendo un contesto diverso dal solito.

7. Il divertimento è assicurato

Il gioco e il divertimento sono due degli aspetti più importanti della vita di un bambino. É in questo modo che imparano a pensare in modo creativo e ad interagire con gli altri. Secondo la pedagogista Maria Montessori, quando i bambini giocano e si divertono i canali dell’apprendimento si aprono.

Passare del tempo al mare è un ottimo modo per intrattenere i bambini. Le opportunità di gioco sono tante, sia in acqua sia sulla spiaggia. Solitamente per i bambini più piccoli, fino ai 3 anni, un’ottima idea è optare per l’acquisto per una piscinetta gonfiabile (esistono anche quelle per neonati), da posizionare all’ombra, così da far divertire i bambini ma al tempo stesso tenerli sotto controllo.

I materassini, le isole gonfiabili o il classico coccodrillo gonfiabile, invece, sono adatti per lo più ai bambini più grandi, dagli 8 anni in poi, che hanno già preso confidenza con l’acqua o sanno già nuotare.

Qualora però non abbiate a disposizione questo tipo di attrezzature e siete alla ricerca di qualche idea originale, potreste dare un’occhiata al nostro articolo 35 giochi da fare in spiaggia e al mare, oppure, qualora vi troviate a dover intrattenere un gruppo di bambini, potreste pensare di organizzare una bella caccia al tesoro sulla spiaggia. In alternativa, date uno sguardo ai gonfiabili per il mare più divertenti.

Per concludere…

Spero di avervi aiutato a capire quali siano i benefici del mare per i bambini e di aver condiviso con voi informazioni interessanti. Qualora aveste dubbi, richieste particolari o voleste segnalare eventuali inesattezze, potete inviarci un messaggio per mezzo della pagina contatti. Alla prossima! ❣

Cris Venneri

Sono laureata in Scienze Linguistiche e della Traduzione alla Sapienza di Roma. Sin da piccola sono sempre stata attratta dall'arte e dalla natura. GiocaGiardino è un progetto che nasce da un profondo e radicato interesse verso il mondo dei bambini, della lettura e del gioco, unito all'intento di voler semplificare le scelte delle mamme e dei papà, attraverso una selezione attenta e coscienziosa dei prodotti consigliati. 

Articoli recenti